IL COREUTA DI ARGO

La scena non è più la stessa.

Un tempo fummo folla comunità
cantori necessari di quella spaziosità concessa.
E mai mancava la sottolineatura
perché tutti capissero
quel che la vicenda narrasse
– fosse incesto tradimento o sepoltura.

Vedili ora: un manipolo attrezzati
d’improvvisati recitanti – fondali meccanizzati
microfoni altoparlanti –
sullo scenico palco smisuratamente
persi
nello spazio di quel perimetro. Li vedi
come cercare nel vuoto
le battute da bocca a bocca
saltellando come rospi di vetro.

Più non partecipiamo alla rappresentazione.

Non più preghiera. Appartenenza.
Non più il nostro intercalare
s’ode costante
quell’intermittenza nel dialogo
rassicurante
quell’intromissione…

breve
della coscienza.

 

(da: Vocianti – 2010)

Annunci

PODBRDO

Le pietre hanno veduto.
Hanno ascoltato. Così non fosse
Perché zittire la bestemmia
Al calpestìo delle pedule?
Perché arroventarsi al sole
Consumarsi all’acqua?
Per testimonia della traccia?
Perché durare?

(1998)

 
(da: Formicaio barocco – 2004)

STRALCIO DA UNA VITA

                                a Peter Mead – Illinois

Chi è il mio iscariota?
E quale sinedrio l’ha stabilito?
Porto la mia croce (la similitudine
io vi prego d’assolvere)
in una gerusalemme remota
e non vedo accanto il cireneo
e in cima non m’aspetta un gòlgota.

(da: Il venditore di suoni tattili – 2007)

LA GIOSTRA

con il tempo bello
la domenica pomeriggio andavamo al Valentino
e sempre facevamo tappa con i miei
dove stava la giostra.

mio padre – ci sedeva me e mio fratello
nella stessa diligenza imbullonata al pavimento

ma io non amavo quel carosello festaiolo
il suo monotono ruotare
lo sfarzo dei colori
le note dolciastre che ci mormoravano per quei tre minuti.

io spiavo le rosse
sgangherate macchinette a pedali
della vecchina col banchetto allato del vespasiano.

andavano sciolte
come pecorelle al campo
qualcuna – osando – s’allontanava
e io la seguivo con lo sguardo rimpicciolirsi
zigzagando
oltre l’afrore di piscio.

 

(da: Luminol – 2018)

26992018_10215986519475241_6355229473604928956_n