La ragazza di Brașov

I

Il colore della primavera è indefinibile
quello dell’anima tinto alla partenza
è bianco come la pagina da scrivere.

La Storia (così è chiamata la vita che attraversa il tempo)
ha chiuso la tua infanzia in un corpo acerbo di donna
e vestita delle notti d’oriente t’ha condotto a questa riva
leggera come un pensiero.

I tuoi vent’anni te li sei portati dietro tutti
neanche uno a lasciarlo
su quella costellazione d’insonnie.

II

Come una porta che si apre all’oscurità
comparisti alla mia arroganza
passando per l’autunno
e con i tuoi suoni inesatti
mi domandasti una mattina: – Poeta
conosci tu Eminescu… Bacovia… Lucìan Blaga?

Scuotendo il capo
mi fu nemica la mia risposta. Così

a narrare cominciasti a me di Luceafărul…
Plumb… Meşterul Manole
e via via d’altri incantamenti
che mi presero a volare sui tetti degli abissi
sulle alture delle cantilene
fino alle altissime vette del desiderio.

III

Nella gelida stanza del disinganno
come la cenere per il fuoco
veglio la mia memoria
facendo l’appello degli affanni.

Il mio silenzio urla inesaudito. All’intorno tutto
tutto è quieto.

Tu ancora poco e molto da sfogliare
fischietti la vita.

Mi sono accontentato di sentirti.

(da: Vocianti – 2010)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...