Archivio mensile:aprile 2015

La sposa possibile

                                                        ad Alexandra

le acque dilagarono la loro collera: furiose
scesero scale che divennero piane
valicarono ponti che non unirono più
e cancellarono strade e impronte di sguardi.

                                  Deo Vindici Patriae.
lo ricordò la ragazza dai capelli neri
sbarrando l’edificio della primavera
perché l’acqua non ne strappasse via la memoria.
poi la ragazza vendette il suo anello alle nuvole
e la collana e gli orecchini di perle bianche
e acquistò un biglietto alla lotteria dell’amore

che scalzo e senza bussola
va costeggiando case dove riposano i giorni
che quando la porta è socchiusa
vedi il tavolo dentro
e i piatti sopra il tavolo
e un uomo seduto
e una donna
con il suo sogno di quercia.

(Inedito)

Annunci