Archivio mensile:maggio 2016

OUVERTURE

non sottrarti
come estranea a questo luogo
figliata mia voce.

quando l’attraversi
è una tenaglia la tua dentatura
che recide la balbuzie della luce

e il rigo di filo spinato
anche diviene rimpianto
scampato alla cattura.