IN VENTRE MATRIS

da un fotogramma del Nulla
mi schiudo in questo tabernacolo
tenero di mucose e umori
dove cellule operose tessono le mie parti.
di voi

mi giunge l’eco
delle voci vostre incorporee
sgrammaticate a me
che mi compongo
in questo mio farmi
con inchiostro esclamativo.

non chiederò del mio natale
qui sono acceso come un fuoco ardente
un ciliegio in fiore.
qui sono una divinità fertile

alla nona luna
serraglio di preghiere.

(da: Luminol – 2018)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...